Lavorare con l’Autismo: 4 storie raccontate da un professionista

Lavorare con l'Autismo 4 storie raccontate da un professionista

Cosa significa lavorare con l’Autismo?

Il bambino che parlava con la luce è il libro che prova a rispondere a questa domanda complessa, raccogliendo quattro storie di bambini diversi.

Perché quando parliamo di Autismo, ci riferiamo più precisamente ai Disturbi dello Spettro Autistico.

E l’autore lo chiarisce subito.

Maurizio Arduino, psicologo e psicoterapeuta responsabile del Centro Autismo e Sindrome di Asperger di Mondovì (Cuneo), è la voce narrante delle quattro storie.

Ed è proprio la sua prospettiva di professionista, esperto nel settore, che arricchisce la lettura di questo libro.

Come?

Lavorare con l’Autismo: lo sguardo umano

Silvio, Cecilia, Elia e Matteo sono i bambini protagonisti delle quattro storie di questo libro:

  • Il bambino che parlava con la luce
  • La bambina delle corde
  • Correndo sul campo di battaglia
  • Un mondo di numeri

Attraverso il loro modo unico di comunicare, ovvero la luce, le corde, la corsa e la matematica, Arduino ripercorre i primi anni di ognuno fino alla fine del percorso scolastico.

Lontano da ogni linguaggio scientifico e professionale, racconta cosa significa lavorare con l’Autismo soffermandosi sulla quotidianità vissuta con i bambini e le rispettive famiglie.

E lo fa narrando le difficoltà, le paure, le incertezze, i dubbi e i fallimenti.

Definisce il suo lavoro quotidiano con un’immagine molto chiara.

Allora era un po’ come trovarsi in un tunnel ed essere concentrati sull’attesa della luce che ne annuncia la fine, e quello che c’è dentro il tunnel, che poi è la vita reale del bambino e della famiglia, non riesci a vederlo, o meglio, lo intravedi simile a un macigno che ostruisce il passaggio e che per prima cosa va trasformato in una porta.

Maurizio Arduino

Le variabili fondamentali nel lavoro di un professionista

Per un qualsiasi professionista i libri e le tecniche sono molto importanti da conoscere per affrontare i problemi di varia natura.

Si sa che per facilitare l’apprendimento ne esistono diverse, ad esempio la Comunicazione Aumentativa e Alternativa o il Video modeling.

Ma sono sufficienti?

Arduino risponde di no e si sofferma su un aspetto importante: sono le persone una variabile fondamentale.

Avevo insomma la sensazione che una sperimentata metodologia di trattamento dell’autismo potesse fallire perchè non teneva conto di una variabile fondamentale: le emozioni, i sentimenti, i pensieri che la metodologia stessa evocava nei genitori. L’efficacia di un intervento educativo e l’uso di una tecnica testata scientificamente non sono indipendenti dalla persona che li applica.

Maurizio Arduino

Ed è proprio da questo incontro, imparando a vedere con gli occhi di ogni bambino, che è possibile creare percorsi terapeutici efficaci.

Con fallimenti ma anche piccole vittorie condivise.

Questo è un libro per professionisti di qualsiasi formazione.

Ma non solo.

Anche per genitori, per cogliere una prospettiva diversa su cosa significa lavorare con persone con Disturbi dello Spettro Autistico.

A chi potrebbe essere utile questo articolo?

Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook

Questo post non fornisce consulenza medica ed è inteso solo a scopo informativo. Questo post non sostituisce la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale. 

Se pensi di avere un’emergenza medica, chiama immediatamente il tuo medico o chiama il 112.