Abilità Visuo-Spaziali: 5 consigli per allenarle

abilità visuo-spaziali 5 consigli per allenarle

In questo articolo, pensato per genitori, insegnanti ed operatori, troverai tutte le informazioni necessarie per comprendere l’importanza delle abilità visuo-spaziali nello sviluppo di un bambino. 

Grazie ai 5 consigli, sarai in grado di allenarle e potenziarle, in particolare con bambini e ragazzi con Bisogni Educativi Speciali.

 

Abilità Visuo-Spaziali: cosa sono e perché sono importanti

Quando parliamo di abilità visuo-spaziali ci riferiamo a competenze che fanno parte dell’intelligenza non verbale.

Cosa vuol dire?

Sono abilità coinvolte nei processi di elaborazione ed integrazione delle informazioni visive e spaziali. Di conseguenza, consentono una corretta interazione con il mondo circostante.

Tutti le usiamo quotidianamente. Ma quali sono?

Ad esempio quando:

  • memorizziamo a livello visivo un’informazione o un volto;
  • disegniamo, scriviamo e copiamo una figura;
  • ci orientiamo nello spazio (es. con una cartina geografica o con l’auto);
  • mettiamo in colonna o allineiamo numeri, lettere, oggetti;
  • decifriamo lettere, simboli, numeri;
  • ci muoviamo e compiamo un’azione nello spazio;
  • riconosciamo la destra e la sinistra;
  • riconosciamo forme geometriche.
 
Ci avevi mai pensato?
 
Tali abilità si sviluppano a partire dai primi anni di vita e sono un importante prerequisito dell’apprendimento e delle autonomie personali.

Quando nel bambino sono presenti delle difficoltà, siamo in presenza di disturbi che possono essere corretti attraverso delle attività specifiche.

Che tu sia un genitore, un insegnante o un operatore, è importante saperle riconoscere ed essere in grado di aiutare il bambino.

Cosa sono, quindi, questi disturbi?

E quali le attività per allenare queste abilità?

Continua a leggere per scoprirlo. 

I disturbi delle abilità visuo-spaziali nel bambino

disturbi abilità visuo-spaziali

Nell’età pre-scolare e scolare, si possono manifestare dei disturbi nelle abilità visuo-spaziali che influenzano le attività quotidiane del bambino.

Ma cosa intendiamo nello specifico?

sono disordini che determinano un'erronea stima degli aspetti spaziali fra diversi oggetti che riguardano il rapporto tra la persona e l'oggetto, le relazioni stesse fra diversi oggetti e l'orientamento degli stimoli, associata ad una corrispondente caduta nelle capacità di memoria e di pensiero spaziale.

Benton (1985)

Molti bambini e ragazzi con Bisogni Educativi Speciali vivono queste difficoltà.

Sono, infatti, piuttosto diffuse tra gli alunni, anche se ad oggi non esiste una loro classificazione e descrizione come Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA).

Nonostante ciò, troviamo la definizione di Disturbo dell’ Apprendimento Non Verbale (DAVN), che raggruppa tutte le persone che presentano tali difficoltà (tutt’oggi oggetto di discussione tra gli studiosi).

Ma quali sono i campanelli di allarme che un genitore, un insegnante o un operatore possono riconoscere?

Vediamoli insieme.

Difficoltà visuo-spaziali in abilità

Ma c’è una buona notizia. Tali difficoltà possono essere affrontate.

È molto importante, infatti, allenarle e potenziarle in età pre-scolare e scolare.

Come?

Continua a leggere per scoprirlo.

5 consigli per allenare le abilità visuo-spaziali

abilità visuo-spaziali consigli allenamento

Qui di seguito abbiamo selezionato 5 tipologie di attività utili e divertenti.

Puoi usarle in diversi contesti con tuo figlio, un alunno o una persona con cui porti avanti un percorso educativo-riabilitativo.

Vediamo insieme quali sono nello specifico.

giochi corporei abilità visuo-spaziali

1) Giochi corporei

Giochi come basket, tennis e bowling allenano la coordinazione oculo-manuale ed esercitano la capacità di calcolare la distanza spaziale tra il bambino e uno o più oggetti (canestro, pallina da tennis, birilli).

giochi visuo-percettivi abilità visuo spaziali

2) Giochi visuo-percettivi

Sono giochi con consegne verbali, riferimenti visivi o termini spaziali (guarda, cerca, sotto, sopra, destra, sinistra).

Esempio di attività: si avvicinano due immagini con l’obiettivo di trovare le differenze, oppure diversi oggetti raffigurati su un foglio e si chiede al bambino di cercarne uno specifico attraverso indicazioni spaziali (cerca la penna in alto a sinistra, cerca la palla vicino al telefono rosso).

Un altro gioco è cercare un oggetto nascosto in una foto (“trova l’intruso”). La tombola degli opposti è un altro gioco con le immagini: il bambino ne pesca una e deve pronunciare velocemente la parola opposta, cercando la figura dell’opposto sulla sua cartella.

Con lo stesso materiale si può giocare al domino degli opposti, in cui il bambino deve affiancare la propria tesserina ad una che rappresenti il significato opposto.

giochi da tavolo bisogni educativi speciali

3) Giochi da tavolo

Giochi come il memory, che allena la memoria visuo-spaziale, oppure i puzzle che potenziano la capacità di riprodurre un’immagine su copia, integrando le informazioni visive e spaziali con l’esecuzione motoria e la pianificazione.

Altri giochi utili: tombola, battaglia navale e le costruzioni Lego.

giochi grafo motori abilità visuo-spaziali

4) Giochi grafo-motori

Giochi come tracciare labirinti favorisce il problem-solving spaziale, unire i puntini allena la rappresentazione mentale di un’immagine che si formerà dalle linee e l’integrazione visuo-motoria.

Altri giochi: fare cruciverba, copiare figure da un modello, ricostruire immagini, completare le figure. Il consiglio è partire sempre da figure semplici per poi aumentare la complessità.

Completa la figura gioco educativo abilità visuo-spaziali

5) Giochi online

Giochi come Completa la figura, dove sono presentate carte raffiguranti frutta, cibo e animali in cui viene omessa una porzione dell’immagine.

L’obiettivo è completare la figura associando la carta corretta, individuabile tra possibili soluzioni. Al completamento corretto viene pronunciata la parola corrispondente alla figura.

Il gioco stimola: le abilità visuo-spaziali, la coordinazione oculo-manuale, la motricità fine e il linguaggio.

Gioca gratis a Completa la figura

A chi potrebbe essere utile questo articolo?

Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook

Giochi e attività divertenti per l'apprendimento di tuo figlio o un tuo alunno con BES

L'app GEDU - Giochi Educativi, pensata per persone con Bisogni Educativi Speciali, aiuta a raggiungere gli obiettivi durante la crescita.

Questo post non fornisce consulenza medica ed è inteso solo a scopo informativo. Questo post non sostituisce la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale. 

Se pensi di avere un’emergenza medica, chiama immediatamente il tuo medico o chiama il 112.