Chi siamo

Siamo un gruppo di persone con competenze diverse, accomunate dalla passione verso la tecnologia al servizio delle persone.
Il team è interamente composto da figure molto sensibili al tema della disabilità, alcune per via della loro formazione professionale, altre perché l’hanno incontrata nella loro vita.

Il nostro scopo è quello di migliorare la qualità di vita delle persone con Disturbi del Neurosviluppo, partendo dalla condivisione delle nostre prospettive.
Proprio per questo lavoriamo costantemente allo sviluppo di funzionalità dell’app Maestro per supportare le persone con disabilità, le famiglie e i professionisti che lavorano nella riabilitazione.

Collaboriamo, inoltre, con molte strutture nel territorio ligure e lombardo, per progettare funzionalità che siano sin dalla nascita approvate dalla comunità scientifica.

Il nostro intento è quello di confrontarci con professionisti e famiglie per migliorare Maestro e, di conseguenza, la vita di molte persone.

Noi ci crediamo fortemente, e tu?

 

Il nostro percorso

 

Tutto è iniziato nel 2016 quando un ragazzo ha intravisto le potenzialità della tecnologia nella vita delle persone con Autismo, in occasione di una collaborazione per un progetto europeo.

Con l’intenzione di realizzare qualcosa per aiutarle concretamente, nel 2017 ha iniziato a coinvolgere altre persone in questa idea.

Possiamo dire che qui si sono mossi i primi passi di una collaborazione.
Da un ragazzo siamo diventati un gruppo di ragazzi.

Grazie al confronto con diversi professionisti clinici abbiamo avvertito la necessità di sviluppare un prototipo – BOB – destinato alla riabilitazione psicomotoria.

Abbiamo testato BOB in un Istituto di Riabilitazione, tuttavia ci siamo accorti che non era facilmente applicabile alla vita di tutti i giorni.

Ma non ci siamo dati per vinti.

Avevamo compreso che era necessario conoscere da vicino le esigenze e i bisogni delle persone destinatarie della nostra applicazione.

Proprio per questo abbiamo incontrato famiglie di persone con disabilità e siamo entrati nelle loro case per osservare la loro quotidianità.

Allo stesso modo abbiamo conosciuto Centri di Riabilitazione ed Associazioni che ci hanno condotto verso una nuova strada.

Abbiamo deciso, infatti, di sviluppare alcuni giochi cognitivi fruibili da tablet, realizzando l’applicazione FRED.

Pur testandola con 100 persone, non eravamo ancora convinti dell’impatto che avremmo potuto generare con la nostra tecnologia.

Nel 2019, continuando a lavorare a contatto con persone con disabilità e le loro famiglie, abbiamo migliorato FRED includendo alcuni strumenti per i professionisti, con l’obiettivo di integrare in un’unica applicazione il percorso riabilitativo nei suoi vari aspetti.

È da questa nuova prospettiva che è nata l’app AGORÀ, adottata da più di 200 persone.

La società Estro technologies s.r.l. nasce nel 2019 proprio dopo queste esperienze, unendo persone con competenze diverse ma soprattutto con gli stessi valori.

Tutto quello che abbiamo imparato in questi anni ci ha arricchito molto, sia dal punto di vista professionale che personale.

Maestro, la piattaforma-applicazione nata nel 2020, rappresenta tutto questo ma soprattutto la consapevolezza di essere in un percorso di apprendimento continuo, con l’obiettivo di migliorare la qualità di vita delle persone con Disturbi del Neurosviluppo.

Il team

Lorenzo Daidone

Lorenzo Daidone

CEO

Non è stato per niente facile avviare Estro ma non mi sono mai fermato, perché ho sentito una forte responsabilità nei confronti dei genitori e dei professionisti che hanno riposto fiducia in noi. Grazie alla tecnologia voglio aiutare le persone con Disturbi del Neurosviluppo a raggiungere la massima autonomia.

Jacopo Sartini

Jacopo Sartini

CTO

Mi diverto e riesco a coniugare la mia passione per la programmazione con il lavoro. Ciò che mi spinge è il desiderio di creare cose nuove sapendo che il mio impegno può avere un impatto nel migliorare la vita delle persone con disabilità.

Paolo Nunziante

Paolo Nunziante

Logopedista

Con Estro ho la possibilità di mettere in gioco le mie competenze, condividendo con il team nuove idee per supportare le persone con disabilità grazie all’utilizzo della tecnologia, affinché possano essere attori principali delle loro vite. Spero che grazie a questa realtà posso lasciare il mondo migliore di come l’ho trovato.

Francesca Restuccia

Francesca Restuccia

Educatrice Professionale

Ho la possibilità di unire le mie competenze con i miei interessi, imparando ogni giorno nuove cose dalle sfide che affrontiamo. Mi rispecchio nei valori di Estro e voglio dare il mio contributo costruendo delle possibilità concrete grazie alla tecnologia, affinché ogni persona con disabilità possa esprimere il proprio potenziale nella sua quotidianità.

Angelo Sterlini

Angelo Sterlini

Full stack developer

Sono motivato a raggiungere gli obiettivi ed a contribuire alla crescita della famiglia che Estro è diventata, sapendo di poter aiutare ragazzi in difficoltà insieme alle loro famiglie oltre che un contributo ai professionisti che li seguono nella quotidianità.